loading...

sabato 10 marzo 2018

Perù, disastro idrogeologico mette a rischio il Machu Picchu


Perù, disastro idrogeologico mette a rischio il Machu Picchu

In Perù si è misteriosamente creata una crepa lunga due chilometri nel terreno, vicino al celeberrimo sito archeologico Inca del Machu Picchu, sulle Ande peruviane. Un vero e proprio disastro idrogeologico, che ha messo in pericolo la sopravvivenza del sito stesso e 90 famiglie che vivono nelle campagne di un piccolo paese limitrofo, nel distretto di Ilusco, a sua volta situato nella regione di Cusco, ad altissimo tasso turistico – vi si recando milioni di visitatori l’anno -. Perchè tutto ciò? A causa del cambiamento climatico di cui si parla molto in questi anni, di devastanti alluvioni e del disboscamento al fine di creare aree coltivabili.


I dettagli
I media locali riferiscono che sono crollate finora 37 case e sta affondando addirittura un’intera provincia, quella di Chumbivilcas.


E’ caduto anche un centro sanitario e sono stati distrutti 300 metri di strada. Inoltre, secondo gli esperti, la faglia potrebbe allungarsi e ce ne sarebbero ben 53 “dormienti” che potrebbero crearsi, causando altri danni.



Le cause
Questa tremenda spaccatura nel terreno è un fenomeno il cui primo segnale si era già registrato nel 2012. Lo ha reso noto il capo dell’Istituto peruviano di protezione civile Gustavo Infantas, che imputa le cause alle piogge e al cambiamento di temperatura, che hanno letteralmente indebolito la terra, fino ha spaccarne una parte. Si cominciato da 7 metri di profondità e poi si è arrivati ad 11.




Il sito archeologico
Il Macchu Picchu (letteralmente “Vecchia Montagna”) è il luogo in cui rimarrebbero i resti di una mitica città perduta. Fa parte dei Patrimoni dell’UNESCO, è stato dichiarato nel 2007 una delle Sette Meraviglie del mondo moderno ed è il terzo sito archeologico più grande del mondo dopo le nostre Pompei ed Ostia Antica.



Nel 2003 è stato visitato da oltre 400mila persone e l’UNESCO ha lanciato l’allarme per il fatto che un tale numero di turisti potesse danneggiare quel luogo storico, costruito a quanto  pare nel XV secolo (1440), voluta da un imperatore inca, Pachaùtec.


Naturalmente le autorità peruviane vedono un guadagno nell’afflusso turistico a Machu Picchu, perciò rassicurano i potenziali visitatori, affermando che il fatto che si trovi in una valle isolata, quella dell’Urubamba, sia sufficiente per porre un certo argine all’affluenza di persone. Tanto più che non si è ancora arrivati a prendere la decisione di prendere una ferrovia per arrivarci, anche se è stato proposto. Vedremo se la faglia attirerà altri turisti o meno e quanto si allungherà ancora: gli esperti continuano a lavorare.


Perù, una misteriosa spaccatura rischia di far sparire Machu Picchu
Novanta famiglie a rischio per la crepa profonda fino a 11 metri nella zona montuosa della regione di Cusco. La causa? Il cambiamento climatico, le forti alluvioni e il disboscamento.

Disastro idrogeologico in Perù. Una crepa ha aperto per due chilometri la terra vicino a Machu Picchu, sito archeologico Inca di rilevanza internazionale, e ora 90 famiglie che abitano nelle campagne di un paesino, nel distretto di llusco, sono in pericolo. La zona a rischio è quella della regione montuosa di Cusco visitata ogni anno da milioni di turisti. La causa è da ricercare nel cambiamento climatico, nelle forti alluvioni e nel disboscamento per creare aree coltivabili.




Secondo i media locali, già 37 case sono cadute mentre la provincia di Chumbivilcas affonda. Finora il centro sanitario del settore è crollato. Si contano 300 metri di strada distrutta. Per gli specialisti la faglia potrebbe arrivare a Tambomachay e persino alla strada Hiram Bingham di Machu Picchu. Inoltre i geologi di Cusco parlano di 53 faglie "dormienti" che in qualsiasi momento potrebbero germogliare dalla terra.

Questo fenomeno non è recente. "Il primo segnale è stato registrato nel 2012", ha affermato il capo dell'Istituto di protezione civile Gustavo Infantas. Le cause di questo tipo di disastri naturali sono generati dalla presenza di piogge o cambiamenti di temperatura. Per Infantas, quello che è successo è stato quindi causato dall'indebolimento della terra a causa della quantità di pioggia che provoca la rottura del terreno. La profondità all'inizio era di 7 metri,
 ma dopo altre alluvioni è aumentata fino a 11 metri.


.
Previsioni per il 2018



.
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Elenco blog AMICI

Zodiaco e Amore

ruscello

piove - cascata