loading...

venerdì 9 marzo 2018

Disoccupati in Coda dall'Alba per l'Assegno di Disoccupazione



C'è chi vende il posto in fila per 100 euro
Mattine di passione al Centro per l’impiego di Castelfiorentino. ecco perché

 Mattinate di passione al Centro per l’impiego di Castelfiorentino, dove dalle prime luci dell’alba si sono registrate file lunghissime di persone che tentavano di avere accesso a un assegno di 500 euro. Si tratta del contributo messo a disposizione dalla Regione Toscana per chi ha perso il lavoro da almeno sei mesi. L’aiuto mensile (fino a un massimo di sei mesi) garantisce un sostegno al reddito e l’assistenza alla ricollocazione nel mondo del lavoro ai disoccupati della Valdelsa, in particolare residenti dei comuni di Castelfiorentino, Gambassi Terme, Montaione e Certaldo. Questa zona è stata infatti individuata come area di crisi «non complessa», e quindi con diritto alle risorse del fondo regionale fino a esaurimento.

La corsa alla presentazione delle domande è scattata martedì mattina con lo sportello – collocato all’interno del Comune, ma gestito dalla Città Metropolitana – preso letteralmente d’assalto. Quando il portone del Municipio si è aperto, fuori ad attendere c’erano già diverse decine di persone, che sono aumentate esponenzialmente con il passare delle ore. Situazione fotocopia nel pomeriggio con la fila che si snodava fuori dalla sala d’attesa, occupando tutto l’ingresso del Comune.

Qualcuno è rimasto ad aspettare il proprio turno in piazza, seduto sulle scalinate della chiesa di San Lorenzo. Ma c’è anche chi è stato invitato a tornare il giorno dopo, perché i numeri erano esauriti. L’indomani mattina la scena si è ripetuta. Di primissimo mattino (qualcuno pare sia arrivato addirittura alle 3) piazza del Popolo già brulicava di persone. Con il passare delle ore una massa eterogenea si era accalcata allo sportello: uomini e donne, mamme con bimbi piccoli, persone affette da disabilità, tutti in coda per presentare la domanda, senza alcun diritto di precedenza o criterio di selezione, se non l’ordine di arrivo in cui ci si era presentati.

Ieri pomeriggio abbiamo provato più volte a contattare il Centro per l’impiego chiedendo di poter parlare con la responsabile Antonella Chiavacci, ma non è stato possibile perché "sempre impegnata".

Tra le persone in fila abbiamo raccolto questa testimonianza:  Mentre ero in fila ho assistito addirittura al tentativo di vendita del numero in cambio di 100 euro. Questa – dice la giovane donna – è l’inizio di una guerra tra poveri".

non si sa se questa notizia sia vera
invece questa è VERISSIMA
AL SUD CODE PER RICHIEDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA DEI 5 STELLE
.
Previsioni per il 2018



.
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Elenco blog AMICI

Zodiaco e Amore

ruscello

piove - cascata