giovedì 20 giugno 2013

La storia degli animali vivi portachiave



SARA VERO ?
La storia degli animali vivi portachiave

I portachiave sono possibilmente uno degli accessori piu’ inutili che ci portiamo dietro in tasca o nelle borsette ma da ora, grazie ad un sempre piu’ popolare oggetto venduto in Cina, e’ diventato anche uno tra i piu’ crudeli.
Per lo stesso prezzo che pagheresti per acquistare un ciondolo kitsch molti ambulanti cinesi ti vendono animali vivi, permanentemente sigillati in piccole sacche di plastica in cui sopravvivono il tempo necessario per dare a chi l’acquista motivo di discussione con gli amici. Apparentemente questi inimmaginabili e inumani portachiave sono molto popolari e peggio ancora legali.
Secondo il Global Times questi portachiave “viventi” sono facilmente recuperabili tra i marciapiedi delle cittadine e i sottopassaggi delle metropolitane. I potenziali acquirenti (leggi abusatori d’animali) possono scegliere tra una Tartarughina Brasiliana o due piccoli pesciolini chiusi ermeticamente in una sacca di plastica con all’interno un po’ d’acqua colorata.
Un venditore ha dichiarato che le creature intrappolate possono vivere per mesi in quanto l’acqua contiene dei nutrienti anche se molti veterinari hanno messo in discussione questa affermazione.
“Io lo appendero’ in ufficio, e bello a vedersi e portatore di fortuna” dice un cliente che ha appena acquistato una tartaruga.
Crudeli per quanto sono questi ciondoli continuano a guadagnare molta popolarita’, quest’ultima e’ cosi diffusa d’aver allertato gli attivisti dei diritti degli animali. “Mettere una creatura vivente dentro un piccolo spazio confinato ed ermetico con il solo intento di trarne profitto e’ immorale e costituisce un puro e semplice abuso nei confronti di questi animali”.

Dichiara al Global Times Qin Xiaona, direttrice della NGO Capital Animal Welfare Association.
Anche alcuni passanti dal giusto raziocinio fanno la loro parte per salvare la vita di questi prigionieri: “Ne ho comprato uno per liberarlo. Mi sembrava cosi’ triste” dice una donna.

Nonostante la pratica di vendere animali come ornamento sia crudele e’ di fatto legale. La legge cinese proibisce la vendita di animali selvatici, designazione che evidentemente non comprende le Tartarughine Brasiliane e i pesciolini venduti in giro. Per il momento, mentre si aspetta una legislazione ad hoc che renda illegale la vendita di animali come oggetti di piacere Xiaona consiglia alla gente di usare il buon senso per minarne il commercio: “Se nessuno li compra il mercato morira’” afferma. Tristemente moriranno anche gli animali che gia’ sono stati sigillati nelle loro sacche colorate come in delle bare trasparenti quando rantoleranno per l’ultima boccata d’aria con la quale sono stati confezionati osservando all’esterno quel mondo nel quale le loro vite sono considerate essenzialmente senza valore. Da questa triste storia diventa difficile non credere che anche alla nostra umanita’ attenda un simile destino.

 AUTORE. Giuseppe Ingoglia

 Tratto da http://www.castelvetranoselinunte.it/lassurda-storia-degli-animali-vivi-portachiave/8744/#ixzz2Wi7BJXv5


c' e' anche una petizione contro
.


.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog AMICI

Zodiaco e Amore

ruscello

piove - cascata