sabato 9 maggio 2015

Stop ai Vitalizi dei Politici ?


Stop ai Vitalizi dei Politici ?

CHI DOVRÀ RINUNCIARE AL "PRIVILEGIO PREVIDENZIALE"?
Dopo mesi di rinvii e di continue polemiche tra i partiti, gli uffici di presidenza di Senato e Camera hanno detto sì alla delibera che taglia il vitalizio ai parlamentari condannati. 

La nuova normativa cancella il "privilegio previdenziale" per il parlamentare che subisce una condanna definitiva a più di due anni per reati di mafia, terrorismo, contro la Pubblica Amministrazione (eccezion fatta per l'abuso d'ufficio) e per tutti coloro che prevedono condanne non inferiori nel massimo a sei anni, tra cui anche la frode fiscale, ma non il finanziamento illecito ai partiti.Mano alla delibera e spulciando tra i nomi noti, vediamo chi tra ex parlamentari potrà mantenere il proprio assegno e chi, invece, dovrà farne a meno.



CESARE PREVITI
Perde il suo privilegio di 3.979 euro al mese Cesare Previti, ex ministro della Difesa del primo governo Berlusconi, condannato per corruzione in atti giudiziari.



GIUSEPPE CIARRAPICO
Niente più assegno di 1500 euro/mese per Giuseppe Ciarrapico, ex senatore Pdl. L'imprenditore, ex
presidente della Roma calcio, "paga" la sua condanna a tre anni per il crac da 70 miliardi della Casina Valadier.



PAOLO CIRINO POMICINO
Continuerà a godere dei suoi 5.231 euro al mese l'ex ministro Cirino Pomicino. Condannato per la maxi tangente Enimont e per finanziamento illecito ai partiti si salva per aver scontato un anno e otto mesi, quindi meno della soglia minima di due anni fissata con l'approvazione della delibera.



ARNALDO FORLANI
Va male ad Arnaldo Forlani, ex segretario Dc, già premier e ministro della Repubblica. Condannato a due anni e quattro mesi per finanziamento illecito dei partiti nell'inchiesta Enimont, dovrà rinunciare a 5.691 euro al mese.



SILVIO BERLUSCONI
Non percepirà l'assegno mensile di circa 8mila euro Silvio Berlusconi. La condanna per frode fiscale a quattro anni avrà l'effetto di togliergli il vitalizio.



GIANNI DE MICHELIS
Privilegio intatto per Gianni De Michelis, socialista, tre volte ministro e una vicepresidente del Consiglio. Il politico veneziano continuerà a contare su 5.174 euro mensili nonostante la condanna a un anno e sei mesi nell'inchiesta sulle tangenti per le autostrade del Veneto, oltre ai sei mesi per l'affare Enimont.



RENATO FARINA
Ex giornalista e deputato Pdl, Farina viene condannato a sei mesi per favoreggiamento nel sequestro
dell'ex imam di Milano, Abu Omar: troppo pochi per veder decaduto il suo vitalizio.


CLAUDIO MARTELLI
"Pochi" anche gli otto mesi di condanna definitiva per il coinvolgimento nell'inchiesta Enimont all'ex
ministro socialista Claudio Martelli, che continuerà a intascare 4.684 euro al mese.



GIORGIO LA MALFA
Condannato a sei mesi per finanziamento illecito ai partiti, l'ex segretario repubblicano percepisce e
percepirà a vita 5.759 euro al mese.



PAOLO PILLITTERI
L'ex sindaco di Milano, cognato di Bettino Craxi, è stato condannato a quattro anni e sei mesi per
ricettazione e finanziamento illecito ai partiti. Via il vitalizio di 2.906 euro al mese? Neanche per idea. Riabilitato nel 2007 dal Tribunale di Milano, andrà avanti a percepire il suo assegno mensile.



MARCELLO DELL'UTRI
Perde il privilegio di 4.424 euro al mese anche Marcello Dell'Utri, ex senatore di Forza Italia e Pdl,
detenuto a Parma per concorso esterno in associazione mafiosa.



TOTÒ CUFFARO
In cella a Rebibbia, dove sconta una pena a sette anni per favoreggiamento aggravato della mafia, l'ex presidente della Regione Sicilia si vedrà negare il suo assegno mensile di 5.154 euro.



#StopVitalizio??? 
ENNESIMA FARSA

Vi diranno che hanno abolito i vitalizi ai politici condannati ma anche questa volta è una farsa. Nessuna abolizione. Il trucco è lo stesso utilizzato con la fantomatica abolizione delle province, del finanziamento pubblico ai partiti: un bel titolo che contrasta con il contenuto.

Nella delibera farsa hanno infatti inserito alcuni elementi che permetteranno di erogare il vitalizio a quasi tutti i condannati che lo ricevono:

1) RIABILITAZIONE. Se il condannato è stato riabilitato (es. i politici di tangentopoli) continuerà a
prendere il vitalizio, se verrà riabilitato (facendone richiesta) prenderà il vitalizio dal momento della
riabilitazione.

2) ESCLUSI I REATI SOTTO I 6 ANNI. La soglia minima per subire la revoca, infatti, è stata alzata: dai reati con pena massima a 4 anni si è giunti a reati con pena massima a 6 anni. Escluso, quindi, ad esempio, un reato grave come l’abuso d’ufficio.

3) VITALIZI ANCHE AI PARENTI. Il vitalizio sarà reversibile, ovvero verrà erogato ai familiari superstiti se il condannato è morto prima di oggi.

Il Governo mesi fa, in seguito ad un mia domanda sull'argomento, ha affermato di non sapere chi sono i soggetti condannati che percepiscono questi vitalizi.
Il M5S non partecipa a questa farsa che vede coinvolti tutti coloro che finora hanno preso vitalizi, il M5S è stato l'unico a rinunciarvi. #InformiamoliTutti  #IoSonoDellaBandaDegliOnesti

Lo stato dovrebbe essere vicino: alla scuola che cade a pezzi e agli insegnanti, 
ai disoccupati e agli 
imprenditori in crisi che dovrebbe far sentire la propria presenza ed il proprio sostegno.

.
GUARDA ANCHE


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA
http://www.mundimago.org/
FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.


 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog AMICI

Zodiaco e Amore

ruscello

piove - cascata